Sede legale: Via G. Giusti 28 - 00034 Colleferro (RM)  Sede secondaria: Via Q. Sella 72 - 70122 Bari


HomeChi siamoProgettiAfricaAmerica LatinaAsiaChildren No MoreIl tuo aiuto5 x 1000NewsContattiPubblicazioni


 

 

 

 

 

 

 

Autoimprenditoria

 

È un modo semplice ed economico di sostenere un adulto, e quindi la sua famiglia, permettendogli di continuare a vivere nel proprio villaggio, nucleo famigliare o tribù di appartenenza con la sicurezza di poter avere una opportunità lavorativa e quindi l’indipendenza economica. Con una piccolissima cifra, di solito che non supera i 150-200 euro, si può dare ad un adulto l’opportunità di iniziare la sua attività di impresa ricevendo in comodato d’uso gli strumenti necessari all’esercizio dell’attività prescelta.

 

Ci ispiriamo al sistema nato in Bangladesh dall'idea di Muhammad Yunus (premio nobel 2006) e attualmente operativo con ottimi risultati in molte parti del mondo.

E' in sostanza CREDITO PRIVO DI GARANZIE, proprio per quelle persone che hanno le capacità ma non i mezzi per iniziare un'attività lavorativa (per chi vuole saperne di più, consigliamo la lettura del suo libro “Yunus - il  banchiere dei poveri” edito dalla Feltrinelli).

 

Nel corso del primo anno di attività, Karibu Onlus ha già aiutato in questo modo decine di persone con progetti diversi (vedi Africa).
Nell'attività della Karibu Onlus un’attenzione particolare è riservata alle donne sole con prole a carico.

 

… e micro-progetti

 

È un ulteriore modo di aiutare una comunità nell’acquisire indipendenza e responsabilità in un progetto lavorativo e di vita. In questo caso si tratta di sostenere in toto o in parte i costi di realizzazione che risultano essere più elevati rispetto all’autoimprenditoria, ma pur sempre contenuti nel loro valore unitario in confronto agli standard occidentali.

 

In questi anni di attività, abbiamo deciso di:

- acquistare, a partire dal 2007, un forno per la produzione di pane e dolci, da mettere a disposizione dell’intera comunità del paese di Cotabambas nella regione Apurimac in Perù.

Il progetto prevede l’installazione del forno in un locale idoneo e la partecipazione ad un corso di apprendistato per panificatori.

Parte della produzione va a beneficio di bambini e anziani, ospiti delle strutture dei Padri Agostiniani;

- finanziare, nel 2007, le spese di recinzione del campo di Marimpampa in Apurimac in Perù dove esiste una piccola fattoria gestita dai Padri Agostiniani;

- acquistare, nel 2008, diverse arnie e strumentazione necessaria alla raccolta del miele.

Sono state installate nella piccola fattoria gestita dai Padri Agostiniani, nel campo di Marimpampa in Apurimac in Perù;

- finanziare, nel 2008, il progetto relativo alla produzione di borse ecologiche confezionate dalle donne della cooperativa Kusumam Kudumbasree Unit sita in Aluva in India.

 

 

Adozioni a distanza

 

L’Associazione intende dedicarsi al sostegno delle strutture anziché dei singoli individui.

Per strutture intendiamo orfanotrofi, centri di accoglienza di persone “deboli” (bambini, anziani), asili e dispensari. Per queste strutture il nostro sforzo economico vuol essere quello di coprire i costi di vitto, istruzione, gioco, formazione, oltre che sanitari.

Ai nostri giorni può sembrare assurdo, ma in  molte zone dei Paesi in Via di Sviluppo la scuola, spesso, rappresenta “un pasto al giorno assicurato” e i centri di accoglienza “un posto sicuro” dove lasciare i bambini quando i genitori sono costretti ad allontanarsi da casa per cercare lavoro.

 

Di conseguenza ogni giorno i missionari si trovano a fronteggiare le difficoltà, non solo delle tante persone e famiglie che si rivolgono alla missione per aiuti di qualsiasi genere, ma prevalentemente quelle dei bambini a loro affidati, spesso orfani o abbandonati.

 

In questi anni di attività, abbiamo deciso di:

- contribuire, a partire dal 2007, al sostentamento delle spese primarie della Casa di Rombo "Cornel Ngaleku Children's Centre", situata alle falde del monte Kilimangiaro in Tanzania, che attualmente ospita oltre sessanta bambini,  ma è pronta ad accoglierne fino a cento;
- costruire, nel 2007, un piccolo
centro diurno di accoglienza per anziani all’interno della missione delle Suore Orsoline SCGA, nel villaggio di Mkiwa nella provincia di Singida in Tanzania, che ospita la parte “debole” della popolazione locale, così da consentire ai vecchietti abbandonati e privi di una famiglia, di poter ricevere giornalmente un pasto caldo, con il valore aggiunto di socializzare tra di loro;

- contribuire, a partire dal 2008, alla costruzione del Villaggio degli anziani “Padre Ettore Salimbeni” nel paese di Cotabambas nella regione Apurimac in Perù. Il villaggio ospiterà, a partire dal 2010, anziani soli o abbandonati in piccoli appartamenti a due posti letto.

Il Progetto dei Padri Agostiniani prevede la costruzione di strutture di uso comune (sala pasti, lavanderia, Cappella, giardino, ecc.) allo scopo di permettere agli ospiti assistenza e socializzazione, oltre ad una casa di ospitalità per volontari;

- contribuire, a partire dal 2008, alla copertura di spese di prima necessità per le ventuno bambine affidate alle Suore di Don Daste e ospitate nella Casa di Don Daste, in Neendakara, alla periferia di Cochin in India.

 


Istruzione e formazione scolastica e professionale

 

Dalla considerazione che solo con la cultura, un popolo può combattere i mali peggiori come la povertà, l’intolleranza e la guerra, e che l’istruzione è un diritto di ogni essere umano, è nei progetti dell’Associazione iniziare una forma di sostegno ai bambini o ragazzi che consenta loro di rimuovere gli ostacoli per l’esercizio di tale diritto.

Particolare attenzione viene rivolta ai centri femminili di formazione e preparazione al mondo del lavoro, nei Paesi dove la condizione della donna risulta svantaggiata.

 

In questi anni di attività, abbiamo deciso di:

- assegnare, a partire dal 2006, borse di studio riservate alle ragazze più meritevoli ma economicamente più svantaggiate dell’ostello femminile del villaggio di Itigi e della scuola secondaria di taglio e cucito di Issuna in Tanzania, gestite entrambe dalle Suore Orsoline SCGA;
- creare, nel 2007, una biblioteca nell'ostello di Itigi in
Tanzania, acquistando libri di testo;

- contribuire, a partire dal 2007, al sostentamento delle spese delle rette scolastiche per gli oltre cinquanta bambini ospiti delle Suore Orsoline SCGA, nella Casa della Speranza (struttura che accoglie bambini orfani di genitori malati di AIDS, che possono essere a loro volta malati) di Dodoma in Tanzania;

- contribuire, negli anni 2008 e 2009, alla copertura in parte delle spese generali per i corsi di computer organizzati dai Padri Rogazionisti di Aluva in India, destinati a giovani privi di possibilità economiche, con lo scopo di facilitarne l’inserimento nel mondo del lavoro.

 

  

Arte e cultura

 

 

Favorire l'arte e cultura dei paesi in via di sviluppo attraverso la valorizzazione di prodotti locali e artigianali … questo è uno dei nostri scopi!

 

L’associazione, non avendo fine di lucro e non svolgendo attività commerciale, non ha (e non intende avere) la possibilità di compra-vendere prodotti artigianali: ne favorisce soltanto la promozione.


D
al 2006 l’Associazione sostiene artisti e artigiani dei Paesi in cui opera, rendendo visibili i loro manufatti tra le persone che viaggiano per motivi umanitari in Tanzania e Rwanda, in Perù  e in India.